Vai a…

Giustizia Per Luigi

Sicurezza Stradale

Giustizia Per Luigi on YouTubeRSS Feed

19 Marzo 2019

Prima edizione memorial Crisafulli: lacrime e sport al campo sportivo Nuova A.R. Barriera


CATANIA. Lo sport nel ricordo di chi non c’è più. Si è tenuto, nel pomeriggio di domenica 10 marzo, a partire delle ore 17:00, presso il campo sportivo “Nuova A.R. Barriera” di Catania, il primo memorial dedicato a Salvatore e Mimmo Crisafulli, oltre che a tutte le vittime della strada. La manifestazione sportiva è stata organizzata dall’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada Onlus, presieduta da Alberto Pallotti, spalla a spalla con l’associazione “Sicilia Risvegli Onlus” di Pietro Crisafulli.

Forti i messaggi che si leggono sugli striscioni a bordo campo: “Ciao Salvatore, il tuo immenso amore per la vita sarà per sempre esempio e monito per tutti. Catania non ti dimenticherà” e “Lei ha ucciso Mimmo, l’attesa di giustizia sta uccidendo i suoi familiari”. Prima del fischio iniziale, nell’angoscia delle persone presenti (amici e parenti delle vittime Crisafulli), è stato rispettato un minuto di silenzio accompagnato da una profonda preghiera. Le lacrime si sono unite agli applausi nel momento del volo verso l’alto dei palloncini. A scendere in campo sono stati la Rappresentativa CSD Citta’ di Catania, la rappresentativa “Amici di Mimmo” e la locale rappresentativa AIFVS Onlus – Catania. A dirigere i match è stato il socio fondatore presidente dell’ Associazione Siciliana Contribuenti Art. 580 Codice Penale Antiusura No Profit, Salvatore Guerino.

I calci di rigore finali hanno decretato la vittoria della squadra “Familiari di Mimmo Crisafulli”, con il ritiro emblematico del premio da parte dei piccoli Andrea e Dennis, figli di Domenico scomparso il 6 marzo del 2017. Seconda posizione per gli “Amici di Mimmo Crisafulli” rappresentati da Santo Nicotra; terza la rappresentativa locale dell’Associazione Italiana Familiari e vittime della Strada Onlus, per la quale è intervenuto il referente locale Pietro Crisafulli. Il padre della vittima ha poi commentato: “L’assassino non si è fermato allo stop travolgendo mio figlio e causandone la scomparsa. Non si può morire così a 25 anni, non si possono lasciare senza un padre due bambini innocenti e nella disperazione un’intera famiglia. Il danno, però, diventa insormontabile se si pensa che la giustizia ha fallito, che il processo si è concluso con il patteggiamento a 5 mesi e 5 giorni senza condizionale, dopo il tentativa invano di giungere all’archiviazione. Siamo in un paese dove ognuno risponde per le proprie responsabilità e l’organo supremo dovrebbe lanciare dei messaggi chiari piuttosto che essere fondamento del concetto di amnistia. Sono onorato di essere referente a Catania per l’A.I.F.V.S. presieduta da Alberto Pallotti, e non darò tregua a chi viola il codice della strada né nella mia città, né in tutta la Sicilia”.

Durante le premiazioni, i presenti hanno ascoltato il saluto dell’attrice Maria Maugeri: “Sono addolorata per l’assenza, ma con la mente e con il cuore sono in prima linea. Per Mimmo ci sono stata sempre, in qualsiasi manifestazione insieme a Pietro. Conoscerti è stata una bellissima cosa. Mi viene da pensare a quando passavi a prendermi a casa per andare sul set cinematografico e ti sentivi importante. Quante volte dovevi spingere la macchina perchè non partiva; tutte risate e confidenze della nostra vita. Mi chiamavi nonna Maria e non facevi mangiare a nessuno i panini con la mortadella che preparavi per me. Sei stato bravissimo. Pensare che qualcuno ti ha strappato alla vita due anni fa, non mi da pace; ancor di più il fatto di non aver avuto giustizia. Sappi che papà ed io combatteremo fino alla fine insieme all’associazione. Mimmo, stai vicino a papà, così come lo sono io in tutte le battaglie. Con amore infinito, riposa in pace Mimmuzzo. Miliardi di baci, nonna Maria”.

“Il plauso a queste iniziative va rivolto proprio per il messaggio che contengono – afferma Alberto Pallotti, presidente dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada Onlus -. In Italia uccidono le persone due volte: per strada e nei tribunali. Il messaggio che Pietro, in qualità di referente, trasmette sul territorio è di quelli importanti ed arriva forte al cuore di tutti; è lui che va premiato, sostenuto con i risultati che oggi vediamo sul territorio. Pensare che certe tragedie si consumino per strada, è già devastante, ma se ci uniamo il senso di ingiustizia e di impotenza della società collettiva, il tormento è ancora più straziante. La famiglia Crisafulli ha avuto il coraggio di mettere in luce questa vicenda tramite lo sport, portatore sano di valori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie daAversa

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com